Si è svolto nella giornata di martedì 28 agosto un incontro presso la sede dei parchi della Regione Liguria

Nell’occasione è stato presentato dall’Ente Parco Montemarcello Magra e ARPAl un nuovo progetto europeo denominato ALIEM che in estrema sintesi si occupa di costituire una rete di monitoraggio per diverse specie aliene fra le quali la Vespa Velutina Nigrithorax

All’ incontro hanno partecipato esponenti di altri progetti esclusivamente dedicati alla velutina come Life STOP Vespa , progetto europeo curato dall’università di Torino e Stop Velutina curato da Crea Bologna

In buona sintesi si è concluso il convegno con l’auspicio che i dati ricavati dai vari progetti siano interscambiabili  e coordinati

Le associazioni di Apicoltori presenti, Apiliguria, Toscana Miele e Alpa Miele, hanno accolto favorevolmente il nuovo progetto dichiarandosi disponibili a intensificare al rete di monitoraggio già esistente e inserita nei progetti Stop Vespa e Stop Velutina

Per quanto riguarda Apiliguria non possiamo che essere favorevoli all’avvento di un nuovo progetto finanziato, fermo restando che è ovviamente auspicabile uno stretto coordinamento fra i vari progetti

Tuttavia ci pare di capire che questo progetto abbia una esclusiva vocazione di mappatura del territorio e monitoraggio della vespa, intento lodevole e meritorio, ma quello che veramente serve oggi e un’azione di contrasto all’avanzamento della vespa

Vale la pena di ricordare che a tutt’oggi l’unica azione di vero contrasto è la distruzione dei nidi, azione che Apiliguria ha iniziato a praticare in forma autonoma, assumendosi costi e rischi , in provincia di Imperia dal 2014

Successivamente, con l’avvento del progetto Life StopVespa, progetto di cui Apiliguria è socio fondatore attraverso l'Abbazia Benedettina di Finale Ligure, associata Apiliguria, l’azione di neutralizzazione è stata coordinata,  e sostenuta finanziariamente, appunto dal progetto Life , Apiliguria ha indicato il proprio  socio-dirigente Fabrizio Zagni come coordinatore delle squadre, ruolo svolto nel biennio passato e in fase di rinnovo per quello a venire

Inoltre la Regione Liguria ha concesso un finanziamento al fine di poter acquisire le attrezzature necessarie per la distruzione dei nidi ,attraverso un contributo concesso a Apiliguria e ,dalla stessa totalmente utilizzato per l’acquisto dei materiali idonei, materiali oggi utilizzati dalle squadre di cui sopra

Apiliguria successivamente ha anche iniziato a partecipare, col Crea di Bologna, (Ente con cui ha firmato apposite convenzioni) , le Università di Pisa e Firenze e il Consiglio Nazionale delle Ricerche al progetto StopVelutina, un programma di ricerca e sperimentazione sul campo, al fine di elaborare , sistemi per la rilevazione dei nidi, protocolli per la distruzione degli stessi, e metodi diversi di contrasto alla vespa,

In questo senso  è stato elaborato e presentato a Bologna, alcune settimane fa, il metodo Z,

Il metodo in questione ci risulta essere in attesa di autorizzazione ministeriale al fine della sua utilizzazione .